Translate

sabato 11 aprile 2015

La mappa di Piri Reis

La mappa di Piri Reis è un mappamondo del '500 che presenta l'America meridionale e l'Africa nella giusta longitudine relativa, che a quanto pare è un fatto eccezionale per una carta geografica così antica.
La mappa, che risale al 1513, fu scoperta nel 1929 a Istanbul(Turchia) nel palazzo Topkapi, quando la sezione del palazzo destinata ad harem era in fase di restauro. Era firmata da Piri Ibn Haji Memmed, un ammiraglio turco - REIS in turco significa ammiraglio -.
Piri era probabilmente di origine greca. Nel 1523 presentò a Solimano il Magnifico un atlante dell'Egeo e del Mediterraneo , di cui alcune parti sono conservate al museo di Berlino. Nel 1554 fu decapitato per essersi lasciato indurre, attraverso la corruzione, a togliere l'assedio a Gibilterra.
La mappa di Piri Reis è disegnata su pelle di gazzella e ha parecchie iscrizioni, una delle quali dice : "...si ha notizia che un infedele genovese , il suo nome era Colombo, scoprì questi luoghi. Per esempio , un libro capitò fra le mani del suddetto Colombo, ed egli trovò che in questo libro si diceva che alla fine del mare occidentale ....,c'erano coste , isole e metalli di ogni genere anche pietre preziose ...". Questo riferimento a Colombo attirò subito l'attenzione... Oltre ad essere una delle più antiche dell'America e a mostrare L'America meridionale e l'Africa nella giusta longitudine relativa, la mappa aveva altre caratteristiche degne di nota. Un'iscrizione di Piri Reis dice che egli si era servito di una ventina di fonti, fra cui alcune del tempo di Alessandro Magno. Secondo alcuni, la mappa rendeva con estrema precisione anche la costa dell'Antartide.
Il governo degli Stati Uniti si interessò alla cosa e chiese al governo turco di cercare altre possibili mappe di Piri Reis, nonchè la "mappa perduta di Colombo". Da quando fu scoperta, la mappa di Piri Reis ha stimolato una notevole fioritura di congetture, spesso di natura puramente fantastica, sulla sua importanza.
Il capitasno Arlington H. Mallary, esperto di mappe antiche, fu uno dei primi a sostenere che su quella carta figuravano delle zone della Queen Maude Land e dell'Antartide, che ora sono coperte dai ghiacci. Alla base aerea americana di Westover(Massachusetts) una fonte rimasta sconosciuta , ha affermato che alcuni particolari del profilo dell'Antartide concordano " Coi risultati del profilo sismico ricavato attraverso lo strato superiore della calotta di ghiaccio dalla spedizione Svedese-Inglese-Norvegese del  1949. Questo indica che la linea costiera è stata disegnata prima che fosse coperta dai ghiacci. In questa regione la calotta ha attualmente lo spessore di circa un miglio!". C.H. Hapgood, archeologo, storico della scienza, cartografo e professore presso il Keene State College del New Hampshire, ha avanzato l'ipotesi che la mappa di Piri Reis derivi da prototipi dei tempi pre-ellenici, che si basi su una raffinata conoscenza della trigonometria sferica, e che metta in luce una esatta conoscenza delle caratteristiche costiere della maggior parte del mondo.
I prototipi, suppone Hapgood erano delle mappe composite fatte dai geografi greci della scuola di Alessandria. Queste carte, a suo dire, erano più precise delle mappe medievali, ed erano una "prova del declino della scienza dai tempi remoti dell'antichità ai tempi classici".  John K. Wright, ex direttore dell'American Geographical Society, affermò che "non era detto che le cose stessero necessariamente così".
Secondo R.Charroux, la mappa mostra delle catene montuose antartiche che non sarebbero state descritte fino al 1952, in più ne da l'altezza precisa!!
Qualcuno si è spinto oltre dichiarando che la mappa non sarebbe altro che un disegno fatto osservando il pianeta dall'atmosfera! Secondo i detrattori di questa tesi la carta non conterrebbe alcuna caratteristica morfologica o stilistica, che non siano compatibili con le conoscenze note al 1500. Sempre secondo i detrattori di questa teoria Piri Reis si servì di carte di capitani di lungo corso della sua epoca, che, dal momento che la loro vita dipendeva dalla loro precisione , " possedevano delle carte geografiche estremamente raffinate" .

source: The World Almanac - Book of Strange