Translate

martedì 4 marzo 2014

Il Dèjà vu e la teoria del Multiverso - Deja vu and the theory of the Multiverse


Il dott. Michio Kaku, fisico teorico, ha proposto un’interessante connessione tra il fenomeno del “déjà vu” e l’esistenza di universi paralleli. Il dott. Kaku è impegnato da anni nello studio della “Teoria delle Stringhe”, secondo la quale il tessuto fondamentale dell’Universo sarebbe costituito da oggetti ad una dimensione, simili a stringhe o membrane, in vibrazione: in base alla tensione e alla frequenza di questa vibrazione, verrebbero prodotte e sostenute le particelle elementari. Tutti nella vita abbiamo sperimentato il dèjà vu, una espressione francese che  significa “già visto” e che si riferisce alla sensazione che sentiamo quando siamo convinti di aver già vissuto una certa situazione.Secondo la neurologia è un problema tecnico nel sistema mnemonico del nostro cervello, la psicologia è andata oltre legando questo fenomeno a stati emotivi. Ovviamente non mancano spiegazioni sovrannaturali come la chiaroveggenza o religiose come la reincarnazione. Michio Kaku, noto per "simpatizzare" con teorie fisiche che sono ai confini delle fisica tradizionale, ha una spiegazione diversa, secondo lo scienziato oltre alle 4 dimensioni con cui abbiamo familiarità – il tempo e lo spazio tridimensionale – esisterebbero infatti altre sei dimensioni spaziali extra, che potrebbero avere migliaia di forme possibili, ognuna teoricamente corrispondente ad un universo con le proprie leggi fisiche. Ciò che definiamo “Universi paralleli”. La fisica quantistica affermerebbe quindi che esiste la possibilità che il “déjà vu” sia causato dalla nostra capacità di saltare da un universo all’altro? Per sostenere questa teoria, il dott. Kaku cita anche il lavoro del premio Nobel e famoso fisico teorico “Steve Weinberg”, il quale sostiene l’idea del “Multiuniverso”. Secondo Weinberg esiste un numero infinito di realtà parallele, che convivono con noi. Un parallelismo possibile è con le onde radio: riusciamo a sintonizzarci solo su una stazione radio alla volta, ma in realtà le possibili frequenze sono infinite , questo succede perché le varie frequenze non sono “in fase” fra loro, ossia ogni stazione trasmette il proprio segnale ad una frequenza diversa. Allo stesso modo, nel nostro universo noi siamo “sintonizzati” sulla frequenza che corrisponde alla realtà fisica. Ma in realtà ci sono un numero infinito di realtà parallele che esisterebbero attorno a noi e coesistono, con frequenze differenti dalla nostra e con le quali noi non possiamo sintonizzarci. Altri universi paralleli, non essendo “in fase”, non vibrano a quella stessa frequenza. Ma quando casualmente invece si trovano “in fase”, allora è teoricamente possibile “saltare da un universo all’altro”.
-----------english version------------
The dr. Michio Kaku , a theoretical physicist , proposed an interesting connection between the phenomenon of " deja vu " and the existence of parallel universes. The dr. Kaku has been engaged for years in the study of " String Theory " , according to which the basic fabric of the universe would consist of one-dimensional objects , like strings or membranes , vibrating : Based on the voltage and frequency of this vibration , would be produced and supported elementary particles. All the lives we have experienced déjà vu , a French expression which means " already seen" , which refers to the feeling that we feel when we believe we have already experienced some situazione.Secondo neurology is a glitch in the memory system of the brain , psychology has gone beyond linking this phenomenon to emotional states. Obviously there are supernatural explanations such as clairvoyance or religious as the reincarnation . Michio Kaku , known for " sympathize " with physical theories that are at the boundaries of traditional physics , has a different explanation , according to the scientist in addition to the 4 dimensions with which we are familiar - time and three-dimensional space - in fact, exist another six extra spatial dimensions , which may have thousands of possible shapes , each theoretically corresponding to a universe with its own physical laws. What we call " parallel universes ." Quantum physics would claim then that there is a possibility that the " déjà vu " is caused by our ability to jump from one universe to another ? To support this theory , Dr.. Kaku also cites the work of Nobel Prize winner and renowned theoretical physicist "Steve Weinberg ," which supports the idea of the " multiverse ." According to Weinberg exists an infinite number of parallel realities coexisting with us. A parallelism is possible with radio waves : we can only tune to a radio station at a time, but it really possible frequencies are endless , this happens because the various frequencies are not "in phase" with each other, ie each station transmits its signal at a different frequency . Similarly, in our universe we are " tuned" to the frequency that corresponds to the physical reality . But in fact there are an infinite number of parallel realities that exist around us and coexist with different frequencies from ours and with whom we can not tune . Other parallel universes , not being "in phase" , not vibrate at the same frequency. But when randomly instead are "in phase" , then it is theoretically possible to " jump from one universe to another ."