Translate

lunedì 3 marzo 2014

Hugh Everett III e gli universi paralleli - Hugh Everett III and parallel universes


Nel 1954, un giovane dottorando dell'Università di Princeton di nome Hugh Everett III si avvicinò ad un'idea radicale: esistono universi paralleli, esattamente come il nostro universo. Questi universi sono tutti legati al nostro, anzi, si diramano dal nostro, e il nostro universo si dirama degli altri. All'interno di questi universi paralleli, le nostre guerre hanno avuto esiti diversi rispetto a quelli che conosciamo. Specie che sono estinte nel nostro universo si  sono evolute in altri. Perché un giovane fisico, dovrebbe rischiare la sua carriera futura supportantando una teoria fino ad allora riservata alla fantascienza?
Con la sua teoria dei Molti Mondi, Everett tenta di rispondere a una domanda piuttosto complessa legata alla fisica quantistica. Lo studio della fisica quantistica è iniziata nel 1900, quando il fisico Max Planck per primo ha introdotto il concetto al mondo scientifico. Lo studio di Planck della radiazione ha prodotto alcuni risultati insoliti che contraddicevano le leggi fisiche classiche. Questi risultati hanno suggerito che ci sono altre leggi sull 'universo, che operano su un livello più profondo di quello che conosciamo.
Nel Principio di indeterminazione di Heisenberg il fisico Werner Heisenberg ha suggerito che semplicemente osservando la materia quantistica, si influenza il comportamento di quella materia. Pertanto, non possiamo mai essere completamente certi della natura di un oggetto quantistico o dei suoi attributi, come la velocità e la posizione. Questa idea è supportata dalla interpretazione di Copenhagen della meccanica quantistica. Rappresentata dal fisico danese Niels Bohr, questa interpretazione afferma che tutte le particelle quantistiche non esistono in uno stato o l'altro, ma in tutte i suoi possibili stati in una sola volta. La somma totale dei possibili stati di un oggetto quantistico è detta funzione d'onda. Lo stato di un oggetto esistente in tutte i suoi possibili stati contemporaneamente è detta sovrapposizione. Secondo Bohr, quando osserviamo un oggetto quantistico, si influenza il suo comportamento. L'osservazione rompe la sovrapposizione di un oggetto e forza sostanzialmente l'oggetto a scegliere uno stato dalla sua funzione d'onda.
L'interpretazione di Bohr fu ampiamente accettata, e lo  è ancora da gran parte della comunità scientifica. Ma ultimamente, la teoria dei Molti Mondi di Everett è stata presa sempre più sul serio.
Teoria dei Molti Mondi.
Il giovane Hugh Everett è in accordo con l'idea di sovrapposizione che il fisico Niels Bohr aveva suggerito, nonché con la nozione di funzione d'onda. Ma Everett è  in disaccordo con Bohr in un aspetto di vitale importanza. Per Everett, una misurazione di un oggetto quantistico provoca una spaccatura reale nell'universo,a differenza di quanto riteneva Bohr. L'universo è letteralmente duplicato, dividendosi in un universo per ogni possibile esito della misurazione. Ad esempio, diciamo che la funzione d'onda di un oggetto è sia una particella che un'onda. Quando un fisico misura la particella, ci sono due possibili risultati: potrà essere misurata come una particella o un'onda. Questa distinzione rende la teoria dei Molti Mondi di Everett un concorrente dell'interpretazione di Copenhagen come spiegazione per la meccanica quantistica. Quando un fisico misura l'oggetto, l'universo si divide in due universi distinti per accogliere ciascuno dei possibili risultati. Quindi uno scienziato in un universo ritiene che l'oggetto è stato misurato in forma d'onda. Lo stesso scienziato nell'altro universo misura l'oggetto come una particella. Questo spiega anche come una particella può essere misurata in più di uno stato. Per quanto inquietante può sembrare, l'interpretazione a molti mondi di Everett ha implicazioni che trascendono il livello quantico. Se un'azione ha più di un risultato possibile, quindi,se la teoria di Everett è corretta, l'universo si divide quando inizia l'azione. Questo vale anche quando una persona decide di non intraprendere un'azione! Ciò significa che se vi siete mai trovati in una situazione in cui la morte era un risultato possibile,  in un universo parallelo al nostro, siete morti.
Un altro aspetto preoccupante della interpretazione dei Molti Mondi è che mina il nostro concetto di tempo come lineare. Immaginate una linea temporale che mostra la storia di una guerra. Piuttosto che una linea retta che mostra gli eventi degni di nota che progrede verso di noi nel presente,secondo l'interpretazione a Molti Mondi si creerebbe un "grafico ad albero" che dovrebbe mostrare ogni possibile risultato di ogni azione intrapresa.  Ma una persona non può essere a conoscenza di suoi altri sé - o addirittura della sua morte. Così come potremmo mai sapere se la teoria dei Molti Mondi è corretta? L'assicurazione che l'interpretazione è teoricamente possibile arrivò alla fine del 1990 da un esperimento mentale chiamato del suicidio quantico.....

---------English Version---------
In 1954 , a young Princeton University doctoral candidate named Hugh Everett III came up with a radical idea : there are parallel universes , exactly like our universe . These universes are all related to ours, on the contrary , branch off from ours, and our universe branching off of others. Within these parallel universes , our wars have had different outcomes than those who know. Species that are extinct in our universe have evolved in others. Why would a young physicist , he should risk his future career supportantando a theory until then reserved for science fiction?
With his Many-Worlds theory , Everett tries to answer a question related to quantum physics rather complex . The study of quantum physics began in 1900, when the physicist Max Planck first introduced the concept to the scientific world . The study of Planck 's radiation yielded some unusual findings that contradicted classical physical laws . These findings suggested that there are other laws on the ' universe , operating on a deeper level than we know.
In the Heisenberg Uncertainty Principle physicist Werner Heisenberg suggested that simply observing quantum matter , it affects the behavior of that matter. Therefore , we can never be completely sure of the nature of a quantum object or its attributes , such as speed and position . This idea is supported by the Copenhagen interpretation of quantum mechanics. Represented by the Danish physicist Niels Bohr, this interpretation states that all quantum particles do not exist in one state or the other, but in all its possible states at once . The total number of possible states of a quantum object is called a wave function. The state of an existing object in all its possible states simultaneously is called stacking . According to Bohr, when we observe a quantum object , it affects his behavior. The observation breaks the superposition of an object and the object basically force you to choose a state from its wave function .
The interpretation of Bohr was widely accepted , and still is by most of the scientific community. But lately , the theory of the Many Worlds Everett was taken more seriously.
Theory of Many Worlds.
The young Hugh Everett is in agreement with the idea of ​​overlap that the physicist Niels Bohr had suggested , as well as with the notion of the wave function. But Everett is in disagreement with Bohr in a matter of vital importance. Everett , a measurement of a quantum object causes a rift real universe, unlike what believed Bohr. The universe is literally duplicated , splitting into a universe for every possible outcome of the measurement. For example , we say that the wave function of an object is both a particle and a wave . When a physical measure the particle , there are two possible outcomes : it can be measured as a particle or a wave. This distinction makes Everett's Many-Worlds theory a competitor of the Copenhagen interpretation as an explanation for quantum mechanics . When measuring a physical object , the universe splits into two separate universes to accommodate each of the possible outcomes. So a scientist in a universe that the object was measured waveform. The same scientist in the other universe measure the object as a particle. This also explains how a particle can be measured in more than one state . As disturbing it may seem, the many-worlds interpretation of Everett has implications beyond the quantum level . If an action has more than one possible outcome , so if Everett's theory is correct, the universe splits when the action starts . This also applies when a person decides not to take action ! This means that if you ever found yourself in a situation where death was a possible outcome , in a parallel universe to ours, you're dead .
Another worrying aspect of the Many-Worlds interpretation is that it undermines our concept of time as linear . Imagine a timeline showing the history of war. Rather than a straight line showing the notable events that progrede to us in the present, according to the Many-Worlds interpretation would create a "graphic tree" that should show every possible outcome of every action taken . But a person can not be aware of his other selves - or even his death. So how will we ever know if the Many Worlds theory is correct? The insurance is theoretically possible that the interpretation arrived at the end of 1990 by a thought experiment called quantum suicide .....