Translate

venerdì 3 luglio 2015

Esobiologia: C'è vita negli universi paralleli!


Fred C. Adams , Katherine R. Coppess , Anthony M. Bloch, sono  fisici dell'Università del Michigan. Secondo un loro studio pubblicato da ArXiv, il prezioso e serissimo archivio messo in rete dalla Cornell University, la probabilità che in un universo parallelo  possa esserci la vita, è praticamente certa.
Ma andiamo per gradi , i fisici che hanno sviluppato questo studio, hanno postulato la presenza di universi multipli, appoggiandosi a teorie preesistenti . Il primo a postulare la presenza di un multiverso è stato, in ambito scientifico, Hugh Everett III che  nel 1957, nell'interpretazione a molti mondi della meccanica
quantistica, introdusse l'idea che una misurazione o una osservazione abbia come conseguenza la divisione della nostra realtà in molti mondi, in cui diversi risultati sono possibili.

Non solo H.E. III ha postulato universi multipli, più in generale possiamo dire che l'ipotesi del multiverso postula l'esistenza di universi coesistenti e alternativi al di fuori del nostro spazio-tempo (fonte Wikipedia) .
Per comprendere il senso di questo studio dobbiamo introdurre il concetto di "ampiezza delle fluttuazioni di densità primordiali", anche più semplicemente dello Q.
Con tale affermazione si vuole indicare fondamentalmente che Q descrive la differenza tra le regioni dense e vuote(di materia) dello spazio - in questo caso, in un universo. Un alto Q significa che ci sono
 notevoli oscillazioni, con aree estremamente dense e zone estremamente vuote. Nel nostro universo, Q non è poi così alto, ed è per questo che abbiamo un sacco di materia, con grandi spazi tra stelle e galassie. Ma cosa accaderebbe se vivessimo in un universo con un alto Q, e le nostre galassie sarebbero molto più dense che in questo universo?
It's Looking More and More Likely That We Live in a Multiverse
Fred C. Adams, partendo da questo assunto ha sviluppato una teoria secondo la quale : Considerata
l'ampiezza delle fluttuazioni di densità primordiali di ogni universo conosciuto e a seguito delle numerosissime simulazioni effettuate, si giunge alla conclusione che le possibilità di abitabilità in altri universi sono un po 'più favorevoli e molto più diversificate rispetto a quanto immaginato in passato.  Questa probabilità aumenta in quanto , in un universo con un alto Q , avremmo probabilmente pianeti illuminati da più stelle , sistemi solari e
galattici più complessi , probabilmente si avrebbe un universo più caotico e molto più movimentato del nostro, ma sicuramente più ospitale per la vita.

 Addirittura potrebbe capitare di avere pianeti abitabili , anche non in prossimità di una stella , in quanto si potrebbe creare una zona antropica molto più estesa che nel nostro universo, e si  avrebbero ( probabilmente) situazioni dove quasi i pianeti abitabili possano "scivolare" nella galassia e fluttuare come in una corrente "calda" idonea a mantenere la vita su questi pianeti . Tutti conosciamo la corrente del golfo, che mitiga le coste del golfo del Messico e poi attraversa l'Atlantico , per giungere fin quasi in Gran Bretagna, bene , nel mezzo dell'oceano , in una zona dove le temperature sono molto basse, scorre questa corrente che come un "fiume" consente ad alcune specie di pesci di migrare, specie che diversamente non potrebbero sopportare le fredde temperature dell'Atlantico. Allo stesso modo , i pianeti si lascerebbero trasportare dalla "corrente della Vita"...

Indipendentemente dalle implicazioni filosofiche , lo studio pone le basi per una diversa visione dell'esobiologia.