Translate

domenica 14 giugno 2015

Nasa: possibile dimezzare i tempi per Marte!

Un amministratore della NASA, Charles Bolden, durante un suo intervento presso l'aerojet Rocketdyne, ha fatto importanti dichiarazioni sul futuro delle missioni spaziali. In particolare ha comunicato hai presenti che , attraverso nuovi mezzi di propulsione in fase avanzata di studio, sarebbe possibilile dimezzare i tempi di viaggio verso il "pianeta rosso"(marte). Bolden ha affermato che la NASA si sta preparando a sperimentare motori a propulsione solare-elettrica, anche se non disdegna l'uso di razzi a propulsione nucleare. In questo modo si potrebbe ridurre il viaggio dagli attuali 8 mesi , fino a 4 !
La società Aerojet Rocketdyne, in questa fase si sta proprio occupando di sviluppare motori ionici a propulsore solare-elettrico. Questi motori avrebbero il grande vantaggio del  combustibile, che essendo il sole, non darebbe limitazioni di utilizzo, a differenza degli attuali propulsori liquidi, che hanno un enorme consumo e una breve durata. La necessità di ridurre i tempi di viaggio per andare su Marte , ricorre anche in quanto un viaggio troppo lungo , oltre che sottoporre ad una eccessiva dose di radiazioni gli astronauti, farebbe consumare a questi molte più scorte almientari, di conseguenza dovendo trasportare maggiori dosi di razioni nello spazio. Aumentare le scorte significherebbe un aumento di peso alla partenza, che a sua volta richiederebbe maggiore energia di propulsione.....
Secondo Space.com, Bolden avrebbe anche  menzionato la possibilità di utilizzare razzi nucleari termici: razzi che utilizzano un reattore nucleare che riscalda il gas, che poi si espande attraverso l'ugello per creare spinta. La NASA ha fatto un sacco di lavoro sui razzi nucleari con il programma NERVA negli anni '50 e '60, ma alla fine è stato  annullato nel 1972.