Translate

martedì 28 aprile 2015

Avengers: un mistero lungo 70 anni

Source Wikipedia
La relazione che segue è tratta dal libro di D.Keyhoe " The flying Saucer Conspiracy", Hutchinson, Londra 1957.
L'Autore dichiara che il suo racconto si basa sul rapporto della Marina degli Stati Uniti.
Il pomeriggio del 5 Dicembre 1945, alle 14.10 , cinque Bombardieri TBM Avengers , denominata "Squadriglia 19", con a bordo 14 uomini partirono dalla base navale di Fort Lauderdale in Florida per una esercitazione sull'Atlantico. Secondo il piano di volo, la squadriglia avrebbe dovuto spingersi 160 miglia ad est , verso le Bahama, poi piegare a Nord per 40 miglia ed infine , seguendo un percorso a triangolo, rientrare alla base. Un volo relativamente breve di meno di due ore. Alle 15.45 , la base di Fort Lauderdale ricevette uno strano messaggio radio. Con voce preoccupata il capo squadriglia comunicò: "Sembra che siamo fuori rotta. Non sono sicuro della nostra posizione". Nel corso dell'ora seguente giunsero altri messaggi, sempre più concitati. Possibile che le bussole di tutte e cinque gli aerei si fossero guastate contemporaneamente?
Eppure, come spiegare altrimenti la perdita di orientamento da parte dei piloti?
Verso le 16 dalla base fu captata una breve conversazione: evidentemente in preda al panico il capo squadriglia aveva ceduto il comando ad un altro pilota. Alle 16.25 un altro messaggio :" La nostra posizione è ancora incerta; pensiamo di trovarci a circa 225 miglia a nord-est della base".
A questo punto fu ordinato che un Martin Mariner , un gigantesco idrovolante, attrezzato per operazioni di soccorso , si dirigesse alla ricerca degli apparecchi in difficoltà. Aveva a bordo un equipaggio di 13 uomini. Fu tentato di comunicare la notizia agli Avengers , ma non si ottenne risposta. Più tardi fu chiamato il Mariner per controllare la posizione. Nessuna risposta: anche la radio dell'aereo soccorritore, come quella degli Avengers, era piombata in un silenzio sinistro.
Scattò allora una gigantesca operazione di ricerca. In capo a due ore, 240 aeroplani ed oltre 20 navi fra cui una portaerei avevano preso a perlustrare il mare della Florida alle Bahamas . Le ricerche si protrassero per 4 giorni su un'area di 280.000 miglia quadrate . Non fu trovato nulla : ne rottami ne corpi.
A questo punto la Marina abbandonò la caccia, ma per settimane ancora squadre di ricerca continuarono a setacciare le coste della Florida e le isole Bahamas. Nulla. Alcuni mesi più tardi la Commissione di inchiesta della Marina dichiarò ufficialmente che nessuna traccia era stata trovata ne degli uomini ne degli aerei e che non si era in grado di formulare la benchè minima ipotesi su quanto potesse essere accaduto.
Qualche tempo dopo un giornalista dell'Associated Press si recò a Fort Lauderdale e chiese se il mistero era stato in qualche modo chiarito. Nulla. "sono svaniti" disse un ufficiale della basa " come se fossero volati verso Marte". Passando ad analizzare l'incidente , Il Keyhoe arriva alla conclusione che nessuna ipotesi razionale sembra capace di spiegarlo. Infatti:
1)- Se gli Avengers si fossero spinti troppo lontano verso est, i piloti avrebbero dovuto avvistare le isole Bahamas . La Grande Bahama , lunga circa 25 miglia , sarebbe stata facilmente visibile date le ottime condizioni atmosferiche. Se avessero avessero volato verso Sud-Est , i piloti avrebbero avvistato sia l'isola di Andros sia quella di Grande Abavo. Volando a Sud-Ovest avrebbero incrociato le Florida Keys; ad Ovest , le coste della Florida. Ma in realtà non avvistarono terra ed allora c'è una sola spiegazione : essi stavano volando su una traiettoria circolare fra la Florida e le Bahamas. Il che equivale a dire che qualcosa aveva messo fuori uso tutte e cinque le bussole , e tutte allo stesso modo. Ma c'è di più : se il grado di alterazione delle bussole fosse rimasto costante nel tempo , gli aerei avrebbero volato lungo una rotta sbagliata , ma rettilinea, e avrebbero finito per avvistare terra da una parte all'altra. Ma per mantenere 3 ore gli aerei su una traiettoria circolare , il grado di alterazione degli strumenti deve opportunamente essersi modificato nel tempo. Il che spiega il terribile stato di disorientamento denunciato dai piloti.
2)- Se, per una incredibile coincidenza i motori di tutti e cinque gli aerei si fossero guastati, i piloti avrebbero avuto la possibilità di effettuare un ammaraggio di emergenza, operazione a cui erano particolarmente addestrati. Inoltre i motori non avrebbero potuto guastarsi tutti nello stesso istante. Per cui si sarebbe dovuto captare un primo segnale  di allarme , seguito man mano da tanti altri.  Ora , se gli aerei avessero ammarato, la maggior parte, se non la totalità dei 14 uomini avrebbe dovuto salvarsi. Il mare era calmo e l'ammaraggio non poteva provocare grossi danni. . I piloti a loro volta indossavano le cinture pneumatiche e avevano a disposizione canotti gonfiabili. In moltissimi casi , piloti e marinai hanno potuto resistere per giorni e addirittura settimane in situazioni del genere.
3)- Se infine tutti gli aerei fossero precipitati , il che è quasi inconcepibile , si sarebbero dovuti trovare , sparsi in diverse miglia quadrate , rottami e corpi. Ma nulla, assolutamente  nulla, fu rinvenuto nonostante la gigantesca operazione di ricerca messa in atto.
Analoghe considerazioni valgono per il Martin Mariner e il suo equipaggio. Anzi bisogna ricordare che il Martin Mariner era un idrovolante, quindi a maggior ragione , anche se avesse finito il carburante o si fosse perso, avrebbe avuto tutti i mezzi per atterrare nell'oceano!!!
In epoca moderna sono state condotte molte ricerche per ritrovare gli Avengers, ma nessuna ha portato risultati certi. Nel 1986 furono trovati resti a largo della Florida di alcuni Avengers ma i numeri di matricola dei motori non corrispondevano Negli anni '90 , fu trovata una squadriglia intera di aerei sott'acqua , ma anche questa volta gli aerei non corrispondevano.
In epoca ancora più recente altri TBM Avenger sono stati trovati , ma i resti non erano direttamente riconducibili alla squadriglia 19 , inoltre è noto da alcuni decenni che la Marina e l'Aeronautica  Americana, negli anni successivi la guerra, usarono come cimitero degli aerei l'oceano Atlantico di fronte la Florida.
In conclusione , non esiste spiegazione razionale dell'accaduto. Il caso è rimasto insoluto . I 6 aerei e i 27 uomini degli equipaggi sembrano letteralmente svaniti nel nulla. Uscendo dal razionale, si possono fare tutte le ipotesi che si vogliono. Si può dire, ad esempio, come afferma Albero Perego , che mezzi ed uomini sono stati sequestrati dai dischi volanti . Ma fin dove può condurci la fantasia?