Translate

martedì 9 dicembre 2014

Et in Arcadia ego...

Di incisioni misteriose , l'architettura , la pittura e la scultura del passato, sono piene. Frasi criptiche, codici , parole che a una prima analisi sono insignificanti, sono riportate su molte opere d'arte. Questa settimana vogliamo occuparci di una strana iscrizione, che ha dato filo da torcere a personaggi quali Dickens e Darwin:

D OUOSVAVV M

La presente iscrizione si trova nella tenuta di Shugborough nello Staffordshire, una tenuta con un palazzo che ha avuto varie destinazioni d'uso nel corso della sua storia secolare. Fondato alla metà del '500 sulla base di vecchi conventi , ha conosciuto il suo massimo splendore in epoca barocca, restaurato e ampliato più volte, nel XVIII secolo , nei pressi della tenuta principale venne innalzato un monumento raffigurante un celebre quadro di  Nicolas Poussin, intitolato "Pastori dell'Arcadia". Ai piedi di questa raffigurazione alcuni anni più tardi fu aggiunta l'iscrizione misteriosa  "D OUOSVAVV M". Con varie ipotesi si è cercato di spiegare il significato, inizialmente si è pensato ad un acrostico, al rimando a versetti biblici, ad una serie di numeri con significato profetico , a una cifratura massonica. Ma l'ipotesi che più affascina e quella più plausibile è un'altra, l'iscrizione potrebbe avere un collegamento con  il Santo Graal? 
Detta così sembra un po' folle, ma facciamo un passo indietro per scoprire che forse , almeno nelle intenzioni dell'autore del codice, la cosa tanto folle non è!
Il famoso dipinto di  Nicolas Poussin, intitolato "Pastori dell'Arcadia", è balzato agli onori delle cronache quando, è stato tirato in ballo dagli scrittori Baigent, Leigh, e Lincoln autori di un BestSeller "Il Santo Graal". In questo dipinto, che rappresenta dei pastori che meravigliati osservano una tomba , si trova una iscrizione che recita "Et in Arcadia ego". Traducibile come "anche io in Arcadia" o "io anche in Arcadia", è un epitaffio che  vuole presumibilmente rappresentare l'impossibilità di sfuggire per tutti alla morte, o secondo altri, la transitorietà della morte rispetto all'eternità della fama di un pittore. Fin qui l'interpretazioni degli storici dell'arte, ma gli autori di testi esoterici hanno visto in questa iscrizione un indizio nascosto della presenza, nella tomba rappresentata nel quadro, di personaggi quali lo stesso Gesù Cristo o della donna con la quale avrebbe generato un figlio (appunto il Sang Real, il Sangue Reale- Sacro Graal)! 
Ma torniamo alla scultura rappresentante il quadro di Poussin nella tenuta di Shugborough , bene ,questa scultura è riproduzione fedele del dipinto, recante quindi anche la scritta "Et in Arcadia ego". La scultura ha però alcune differenze, tra cui la presenza di un sarcofago in più che nel dipinto , la domanda che ci poniamo è : la cifratura apposta nella scultura non attiene in qualche modo all'esoterica iscrizione "et in Arcadia ego"?
Forse per trovare una risposta dobbiamo investigare su chi ha commissionato e creato  la scultura. Commissionata da  Thomas Anson , un membro del parlamento britannico, ma pagata dal fratello di questo , l'ammiraglio  George Anson, l'artista che se ne occupò fu il fiammingo Peter Scheemakers. Bene, queste persone hanno assistito e partecipato alla nascita della massoneria nel XVIII secolo, questo infittisce il mistero....